14 07 2015

Le residenti hanno avuto l'opportunità di confrontarsi con Paola Protopapa, atleta paralimpica che ha raccontato la sua esperienza, lasciando a tutte le ragazze una straordinaria lezione di vita e di coraggio. Nel 2008 ha conquistato l'oro a Pechino nel canottaggio, nel 2010 ha partecipato ai Giochi di Vancouver nella disciplina dello sci di fondo e poi a Londra nel 2012 come velista. Ma Paola non è solo una sportiva eccezionale, è prima di tutto una donna e una madre con un forte desiderio di trasmettere agli altri i suoi valori e la sua passione per lo sport e soprattutto per la vita. E' proprio qui che è possibile riscontrare la differenza tra un egoista e un campione; questi infatti è colui che sfrutta la sua esperienza come mezzo di dialogo tra sé e gli altri.
A rendere questa donna tanto "diversa" e unica non è certamente la sua disabilità, quanto piuttosto l'immensa forza d'animo e tenacia che la caratterizzano: tutto in lei mostra quella grinta e determinazione che nascono dalla volontà di non arrendersi davanti alle difficoltà che la vita riserva a ciascuno di noi, ma lottare affinché ostacoli, piccoli o grandi che siano, non intralcino il nostro cammino. Questa convinzione è emersa in tutto ciò che l'atleta ha deciso di condividere con le residenti che hanno notevolmente apprezzato e fatto tesoro dei suoi insegnamenti anche in relazione all'intenso studio che tutte stavano affrontando in quel momento.